Ravioli fritti di patate e salame ungherese

VERTICALE_2

COLLAGE

I Ravioli fritti di patate e ungherese Clai sono la mia proposta per il Contest di iFood Morsi D’Autore in collaborazione con l’azienda emiliana CLAI.

CLAI vanta un’ampia offerta di salumi di altissima qualità. Un’azienda seria che ha omaggiato me e altre 39 food blogger del network iFood, con una vasta scorta di prodotti, tutti di altissimo livello.

Ho partecipato al contest #morsidautoreclai con ricetta e VIDEORICETTA di questi raviolini fritti ripieni di patate e salame ungherese. dal gusto leggermente affumicato. Una “sfiziosità” davvero golosa, servita su un letto di fave e piselli.

La ricetta la trovate qui, su iFood

EVIDENZA_OK ORIZZONTALE_3 ORIZZONTALE_7 VERTICALE_2

CONTEST-CLAI

Ciambella soffice al cocco

IMG_7966

cakes, colazione | 20 luglio 2016 | By

IMG_7975

Adoro le colazioni lente, fatte di coccole e dolci soffici, in giardino, con le persone che amo. Le tipiche colazioni della domenica, che accompagnano un lento risveglio.

Adoro anche le colazioni lente all’alba, quando ci si alza in anticipo, per godersi il silenzio delle prime ore del mattino, prima di una passeggiata o di un lavoro importante.

Qualunque sia la vostra colazione ideale, questa ciambella si prepara con poche mosse la sera prima e sarà lì pronta ad aspettarvi al vostro risveglio, insieme ad un bicchiere di bevanda al cocco.

La mia bevanda Alpro, l’ho trovata nella Degustabox di giugno.

Buona colazione a tutti. Che sia soffice come una nuvola e piena di energie

Veronica

IMG_7974

Ciambella soffice al cocco
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per uno stampo piccolo da ciambella
  2. 1 uovo
  3. 80 g di zucchero a velo
  4. 150 g di bevanda al cocco Alpro
  5. 80 ml di olio di semi di girasole
  6. 150 g di farina setacciata
  7. mezza bustina di lievito per dolci
Instructions
  1. In una ciotola sbattete l'uovo con lo zucchero
  2. Aggiungete la farina setacciata con il lievito, l'olio, la bevanda al cocco e mescolate
  3. Ungete uno stampo da ciambella (staccante spray oppure imburrate e infarinate)
  4. Cuocete in forno caldo a 180 per una quarantina di minuti
  5. Se volete, decorate con glassa di acqua e zucchero a velo, albumi e zucchero a velo oppure limone e zucchero a velo.
  6. Per ottenere una glassa bianca, aggiungete allo zucchero a velo cremor tartaro
  7. decorate con frutta fresca
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

IMG_7970 IMG_7964 IMG_7966

Tabulè

IMG_7994

Il Tabbouleh o Tabulè è un piatto arabo del vicino oriente, diffuso in Siria e Libano e oggi diventato il piatto orientale più famoso.

Si tratta di un’insalata di bulgur (alcuni lo fanno anche con il cous cous) condita con menta, prezzemolo, cipolla, succo di limone e pomodorini, gustosa e fresca e totalmente vegana.

Io l’ho conosciuto grazie a mia zia Pascale, originaria della provenza. Lei lo ha imparato da una parente originaria del vicino oriente e lo fa sempre in occasione dei pranzi estivi all’aperto.

IMG_7988

Mi sono innamorata della freschezza di questo piatto, trovo che sia perfetto per accompagnare grigliate di carne e verdure all’aperto, regalando anche un pizzico di fascino orientale alla tavola e affascinando gli ospiti, che ancora non lo conoscono.
IMG_7989 IMG_7990

Tabulè
Serves 4
Write a review
Print
Ingredients
  1. 250 g di bulgur
  2. 1 cipolla
  3. pomodorini
  4. menta
  5. prezzemolo
  6. 2 limoni
  7. olio evo
  8. sale
  9. pepe
Instructions
  1. In una casseruola, portare ad ebollizione l'acqua e una volta raggiunto il bollore, salare.
  2. Risciacquare sotto l'acqua corrente il bulgur e buttarlo nell'acqua bollente. Lasciare cuocere per 10 minuti.
  3. Tagliare i pomodorini a dadini e la cipolla a piccoli pezzi.
  4. Tritare il prezzemolo (un bel mazzo) e la menta (la metà del prezzemolo).
  5. Spremere due limoni e ricavarne il succo.
  6. Scolare il bulgur e passarlo sotto l'acqua fredda.
  7. Trasferirlo in una grande ciotola e condire con tutti gli ingredienti.
Notes
  1. Il bulgur si conserva fino a 3-4 giorni in un contenitore ermetico in frigorifero.
  2. Se preparato la sera prima per il giorno dopo è ancora più buono.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_7991 IMG_7992 IMG_7993 IMG_7994

Mini cheesecake con gelatina di ribes

IMG_7977

IMG_7982

In estate, si sa,  si rinuncia un po’ a tutto.

Ad usare il forno, perché fa caldo.

A mangiare i dolci, perché poi in vacanza ho i rotolini nella pancia.

A fare colazione con brioche e cappuccino, che poi mi vengono i brufoli.

A questa cheesecake però, non possiamo dire di no.

Perché?

E’ monoporzione, quindi meno calorie e meno sensi di colpa.

Non ha formaggio. (E’ una finta cheesecake, più leggera con yogurt greco)

E’ fresca e si fa senza accendere il forno.

In più, la nota acidula dello yogurt, insieme alla gelatina di ribes è qualcosa di eccezionale.

Vi ho convinte?

 

IMG_7978

Mini cheesecake allo yogurt con gelatina di ribes
Write a review
Print
Ingredients
  1. 300 g circa di biscotti secchi al cacao
  2. 150 g di burro
  3. 500 ml di panna liquida da montare già zuccherata
  4. 15 g di colla di pesce (3 fogli)
  5. 1 yogurt greco al naturale da 250 g
  6. Per la gelatina di ribes: ribes e zucchero in eguale quantità
  7. ribes per decorare
Instructions
  1. In un frullatore, inserite i biscotti secchi e rompeteli, fino ad ottenere una granella.
  2. In un pentolino, sciogliete il burro e una volta sciolto, versatelo nel frullatore e frullate ancora per amalgamare il burro ai biscotti ottenendo un composto umido
  3. Prendete uno stampo a cerniera quadrato e versate il composto di biscotti e burro, livellandolo bene sul fondo della tortiera, con una spatola
  4. Ponete in frigorifero per 15 minuti
  5. Montate a neve la panna e tenetene un fondo di bicchiere da parte) e mettete la colla di pesce in ammollo in acqua fredda per una decina di minuti
  6. Strizzate la colla di pesce e scioglietela in un pentolino, dove avrete scaldato la panna liquida tenuta da parte.
  7. Una volta che il composto di colla e panna è tiepido, amalgamatelo alla panna montata e allo yogurt, creando una crema omogenea.
  8. Versate la crema sopra la base di biscotti e livellate con una spatola.
  9. Ponete in frigorifero per qualche ora o meglio per una notte.
  10. Dopo il riposo, aprite la cerniera dello stampo, la torta si staccherà da sola, fate solo attenzione a non romperla. Versate sopra la gelatina e decorate con ribes freschi.
  11. Al momento di servire, tirate la torta fuori dal frigo e tagliatela a porzioni rettangolari. Conservatela in frigo fino al momento di servire.
  12. Per la gelatina di ribes
100 g di zucchero per 100 g di ribes
  1. Lavate i ribes sotto acqua corrente. Scolateli e versateli in una casseruola con lo zucchero.
  2. Portate a bollore e fate cuocere per circa 15 minuti.
  3. Filtrate il composto con un colino a maglie strette o meglio con un panno di cotone (per esempio un vecchio strofinaccio, perché si macchierà).
  4. Ponete il composto filtrato nuovamente nella casseruola e fate ridurre a piacere.
  5. Versate nei vasetti sterilizzati come per la marmellata. Fate raffreddare i vasetti a testa in giù. Riporre in luogo buio e asciutto.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_7977

Club Sandwich vegan con hummus alla barbabietola e formaggio di soia

IMG_7748

IMG_7735 IMG_7742 IMG_7743 IMG_7748 IMG_7752

Da qualche mese, ho drasticamente ridotto il consumo di carne e latticini.

Avevo bisogno di cambiare dieta, mi sentivo sempre gonfia e avevo spesso mal di pancia.

Il mio corpo aveva bisogno di cambiare e di introdurre più verdura e più legumi.

Con l’aiuto della mia dietista, sto imparando a sostituire la carne con tanti alimenti proteici naturali.

Per la prima volta in vita mia ho preparato e assaggiato l’hummus di ceci, nella variante alla barbabietola. Ho seguito la ricetta della mia amica Bea del blog Crème de Cassis. Me ne sono innamorata. Non solo ha un gusto buonissimo, ma la consistenza cremosa, si presta a farciture, come in questo caso, rendendo il sandwich buonissimo, ma anche ad accompagnare il pesce o come aperitivo con verdurine o tacos.

Provatelo e ve ne innamorerete.

Potete sostituire la barbabietola con altra verdura cotta, per esempio le carote andranno benissimo.

Potete giocare con colori e abbinamenti.

Questo sandwich è anche vegan, infatti il formaggio è di soia!

Buon sandwich a tutti!

Veronica

IMG_7753

Club sandwich vegan
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per l'hummus alla barbabietola
  2. 300 g di ceci precotti
  3. 150 di barbabietola precotta
  4. 1 cucchiaino di sale
  5. 1 cucchiaino di cumino o curcuma
  6. il succo di 1 limone
  7. mezza cipolla di tropea
  8. 2 o 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  9. 3 FETTE di pane da sandwich
  10. insalatina
  11. formaggio di soia a pasta dura (tipo galbanino) o quello che preferite
Instructions
  1. Tagliate a metà le vostre fette di pane e ponetele a tostare su una graticola per qualche minuti su ambo i lati.
  2. Mettete tutti gli ingredienti per l'hummus in un frullatore e frullate tutto fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiungete l'olio per ultimo, di modo da regolarvi con la consistenza che preferite.
  3. Farcite i vostri sandwich spalmando prima l'hummus e poi aggiungendo il formaggio a fette e le foglioline di insalata.
Notes
  1. Potete conservare l'hummus in frigorifero, all'interno di un contenitore ermetico per un paio di giorni.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

IMG_7754 IMG_7758 IMG_7760 IMG_7763 IMG_7768

Parmigiana di zucchine velocissima e light

IMG_7611

IMG_7611

Questa Parmigiana di Zucchine light è velocissima da preparare ed è leggera, quindi perfetta per l’estate.

Le zucchine sono le protagoniste di questo piatto, insieme al pan grattato, alle erbe aromatiche e al pecorino romano, che ne esaltano tutto il sapore senza frittura.

Si fa tutto a crudo, basta tagliare le zucchine molto sottili, con un pela patate ed una mandolina.

Ringrazio Enrica, per avermi fatto conoscere la sua “parmigiana tutto a crudo”. La mia versione è ancora più leggera, ma ugualmente saporita e buonissima.

 
IMG_7615

Parmigiana light di zucchine
Write a review
Print
Ingredients
  1. 3-4 zucchine grandi
  2. polpa di pomodoro o pelati tagliati a pezzetti
  3. erbe aromatiche (maggiorana, timo, basilico)
  4. sale pepe
  5. pecorino romano o parmigiano
  6. pan grattato (2-3 cucchiai)
  7. Mollica di pane (circa 200 gr)
  8. olio evo
Instructions
  1. In una ciotola, mescolate la polpa di pomodoro con un filo d'olio, sale e pepe, un cucchiano di zucchero.
  2. In un'altra, mescolate il pan grattato con la mollica di pane sbriciolata, 2 cucchai di olio evo, 4 cucchiai di pecorino romano grattugiato, erbe aromatiche sminuzzate.
  3. Lavate bene le zucchine, mondatele e tagliatele a fettine molto sottili con una mandolina o un pela patate.
  4. Prendete una terrina da forno e cominciate sporcandola con la passata di pomodoro.
  5. Fate un primo strato di zucchine, belle vicine tra loro, quasi sovrapposte.
  6. Fate un secondo strato coprendo le zucchine con il pomodoro.
  7. Fate un terzo strato con il composto di pan grattato e pecorino e premete bene con una forchetta di modo da coprire tutto il primo strato.
  8. Continuate così fino alla sommità e concludete con un abbondante strato di pomodoro e decorate con foglioline di maggiorana e timo.
  9. Cuocete in forno già caldo a 180 per circa 30 minuti.
  10. Quando pungendo con una forchetta, entrerà bene nelle zucchine, la vostra parmigiana sarà pronta per essere gustata.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_7583 (2) IMG_7585 IMG_7591 IMG_7597

Muffin alle ciliegie senza lattosio

IMG_7480

IMG_7442

I Muffin alle ciliegie senza lattosio sono un ottimo dolcetto per utilizzare le ciliegie. Sono gustosi ma leggeri per l’assenza del lattosio, quindi perfetti per chi soffre di intolleranza ai latticini.

Sono semplici da fare, basta infatti amalgamare gli ingredienti con una frusta. Sporcherete due ciotole soltanto, una per l’impasto e una per montare gli albumi a neve. Questi daranno infatti morbidezza all’impasto.

IMG_7392

 

Muffin alle ciliegie senza lattosio
Write a review
Print
Ingredients
  1. 4 uova
  2. 100 gr di zucchero
  3. 100 gr di ciliegie denocciolate
  4. 1 bicchiere di olio di semi
  5. 1 pizzico di sale
  6. 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  7. 1 bustina di lievito per dolci
Instructions
  1. In una ciotola sbattete 2 uova con lo zucchero.
  2. Aggiungete la farina setacciata con il lievito e il pizzico di sale, poca alla volta, alternandola all'olio di semi.
  3. Unite le ciliegie.
  4. Se l'impasto risultasse troppo denso unite mezzo bicchiere di latte di soia.
  5. Infine montate a neve ferma gli albumi e uniteli all'impasto delicatamente, mescolando dall'alto verso il basso con una spatola in silicone.
  6. Cuocete in forno già caldo, a 180 per circa 20-25 minuti in uno stampo da muffin in silicone.
  7. Se non lo avete, utilizzate quello in alluminio imburrato e infarinato oppure con i pirottini di carta.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
PicMonkey Collage

IMG_7414 IMG_7434IMG_7483 IMG_7484IMG_7487

Biscotti al cocco velocissimi

IMG_7534

IMG_7512

Questi biscotti al cocco sono furbi, veloci e buonissimi. Si fanno in pochi minuti e bastano solo 3 ingredienti.

Potete divertirvi a glassarli come più vi piace: con cioccolato fondente e granella di nocciole, cioccolato bianco e granella di pistacchi, cioccolato al latte e cereali sbriciolati..

Vi chiederanno la ricetta e resteranno senza parole, nello scoprire che oltre ad essere buonissimi, sono semplicissimi da fare e hanno anche pochissime calorie. Per renderli ancora più light e adatti ad un regime alimentare dietetico, in vista dell’estate, io elimino addirittura lo zucchero, facendoli soltanto con farina di cocco e albumi.

Una vera bontà senza sensi di colpa. A prova di abito da sposa 😉

In fondo al post trovate la mia video-ricetta tratta dal canale Snapchat di Ricette per passione (Ricetteperpassi)

IMG_7520

Biscotti al cocco velocissimi e light
Write a review
Print
Ingredients
  1. 180 g farina di cocco
  2. 120 g zucchero a velo (io solo 60 grammi)
  3. 2 albumi d'uovo
Instructions
  1. In una ciotola inserite tutti e tre gli ingredienti
  2. Accendete il forno a 180 gradi
  3. Mescolate gli ingredienti con un cucchiaio fino ad ottenere una consistenza umida che vi permetta di formare delle palline con le mani. Se il composto risultasse troppo asciutto, aggiungete un cucchiaino di liquore se vi piace, oppure altro albume.
  4. Formate con le mani tante piccole palline e adagiatele su una teglia coperta con carta forno.
  5. Infornate e cuocete in forno caldo per circa 10-15 minuti, fino a leggera doratura.
  6. Fate raffreddare i biscottini nella teglia, altrimenti potrebbero rompersi.
  7. Rimuoveteli una volta raffreddati e glassateli come preferite, oppure gustateli al naturale, sono comunque buonissimi!
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_7533 IMG_7534 IMG_7535 IMG_7541

Pane in cassetta morbidissimo

IMG_5972

IMG_5972

Il profumo e la vista del pane appena sfornato ha un fascino che trascende ogni altra riuscita culinaria. Ogni volta è un sorriso, ogni volta è un ricordo, ogni volta è un successo fatto di cose semplici e genuine.

Se vi ho fatto venire l’acquolina in bocca, se vi ho risvegliato vecchi ricordi, se vi ho fatto venire voglia di impastare un pane semplice, morbido e goloso, venite con me su iFood.it e cliccate qui per leggere il mio post e annotarvi la ricetta 

http://www.ifood.it/2016/05/panbauletto.html

IMG_5977 IMG_5993 IMG_5997 panbauletto_vert

La FLUFFOSA al caffé, con frosting vegan

IMG_7297

IMG_7336

“Se siete tristi, basterà fluffare per essere più felici o perlomeno non più tristi!”

(dal libro “LE FLUFFOSE”)

Così Monica Zacchia del blog Dolci Gusti, ci fa sognare e ci trasporta in un mondo fatato fatto di torte alte e “fluffose” (trasposizione in italiano dell’aggettivo “fluffy” che sta ad indicare queste torte morbide e alte). 

Un libro il suo, curato in ogni minimo dettaglio, in cui la fotografia e le parole, trasportano il lettore in un’altra dimensione.

Una dimensione che definirei fiabesca e romantica, vi ritroverete in un bosco magico, che profuma di cacao, di limone, di vaniglia e ha la consistenza della panna montata. 

IMG_7286

La fluffosa che vedete qui nelle foto è la mia e la ricetta è quella della FLUFFOSA al CAFFE’ presente nel libro, insieme a tantissimi altri capolavori, decorati dalla bravissima, Valentina Cappiello del blog La ricetta che Vale.
IMG_7284

Fluffate. Non è difficile e vi innamorerete di questa preparazione, declinabile in mille varianti. Basterà sostituire la parte fluida con il liquido che preferite.

Qui sul blog, vi avevo già mostrato la mia FLUFFOSA CON ESTRATTO DI FRUTTA , al POMPELMO ROSA e quella AL COCCO.

 

IMG_7297

Per realizzare la mia fluffosa, ho utilizzato due prodotti di alta qualità. Il caffé VERGNANO e l’olio di semi di girasole PIAVE, entrambi trovati nella DEGUSTABOX di maggio.

L’abbonamento a DEGUSTABOX.com prevede una box a sorpresa ogni mese contenente in anteprima quei prodotti di marca dell’industria alimentare che stanno per essere immessi sul mercato e vi assicuro che sono tutti eccellenti.

 
IMG_7304

Ecco la ricetta della mia fluffy cake

Fluffosa al caffè
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per uno stampo da 26 cm da chiffon cake
  2. 8 uova
  3. 320 g farina 00
  4. 70 g di cacao amaro
  5. 320 g di zucchero a velo
  6. 70 g di sciroppo d'acero o miele
  7. 170 g di caffé della moka
  8. 170 g di olio di semi
  9. 2 bustine di lievito per dolci
  10. 1 bustina di cremor tartaro
  11. 2 pizzichi di sale
  12. scorza di 1 limone bio
Instructions
  1. Setacciate in una ciotola gli ingredienti secchi: farina, lievito, zucchero a velo, cacao e sale
  2. In un'altre emulsionate con una frusta quelli liquidi: olio, caffé e sciroppo d'acero (o miele)
  3. Unite gli ingredienti liquidi a quelli secchi e mescolate con la frusta a mano creando un composto liscio.
  4. Inserite i tuorli e mescolate.
  5. A parte montate a neve ferma gli albumi. Aggiungete al composto la buccia grattugiata del limone e gli albumi.
  6. Mescolate delicatamente senza smontare troppo gli albumi.
  7. Otterrete un composto omogeneo ma gonfio e spumoso.
  8. Versate nello stampo da chiffon cake, NON imburrato.
  9. Cuocete in forno già caldo a 150 per 1 ora e 20 minuti.
  10. Capovolgete poi lo stampo sui piedini e fate raffreddare.
  11. Una volta fredda, sformate la torta e se necessario aiutatevi a staccarla dai bordi dello stampo inserendo la lama di un coltello, con delicatezza.
  12. Per la farcitura ho scelto un frosting vegano: formaggio spalmabile valsoia, zucchero a velo a piacere e 1 cucchaio di caffé.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_7337

Torta persiana dell’Amore

IMG_7163 (2)

IMG_7173

Le rose continuano a fare da protagoniste sul mio blog. Questa volta donano aroma e profumo ad un  dolce molto profumato e particolare.

In questa torta convivono tanti aromi diversi, che donano carattere e gusto: i pistacchi, le mandorle presenti sia nella farina che nel latte, il cardamomo, lo zafferano.

Un dolce  buonissimo e dal sapore orientale che ho conosciuto grazie al gruppo di Re-cake 2.0.

Questa la mia TORTA PERSIANA DELL’AMORE, per continuare a dare al mio blog un’aria super romantica in attesa del grande giorno.

Provatela, è facile da realizzare e vi farà innamorare. Non ne avanzerà nemmeno una fetta. GARANTITO!

Ecco la ricetta:

13131632_952230584874629_6001234323768103993_o

IMG_7161 IMG_7182 (2) IMG_7187 (2) IMG_7191 (2) IMG_7194 (2) IMG_7220 (2) IMG_7222 (2) IMG_7237 (2) IMG_7272 (2)

 

 

 

 

 

 

Sciroppo di rose e una nuova avventura

IMG_7043

IMG_7014

Questa è una ricetta speciale, perché tramandata da madre in figlia da generazioni.

Lo sciroppo di rose è una ricetta antica, famosa qui nella Valle Scrivia e ho avuto il privilegio di apprenderne il procedimento antico dalla mamma del mio fidanzato.

Per fare un ottimo sciroppo è importante utilizzare delle rose profumate e dai petali carnosi come per esempio le varietà Chapeau de Napoleon, Rosa Damascena e Rosa Muscosa, dal colore rosato.

Per lo sciroppo di quest’anno ringrazio la vicina che mi regala ogni giorno petali freschi e profumatissimi.

Lo sciroppo va diluito in acqua minerale (1 cucchiaino per 1 bicchiere di acqua) per ricavarne una bevanda profumata e dissetante ma può essere utilizzato in minima quantità anche per donare profumo e aroma ai dolci, come bagna o direttamente nell’impasto.

Se volete farne in grandi quantità e conservarlo in dispensa oppure regalarlo, è bene sterilizzare i vasetti e farli bollire una volta pieni, come per la marmellata. Se invece intendete farne una piccola bottiglia e consumarlo nel giro di un paio di settimane, si può conservare in frigorifero. 

In fondo troverete anche la video-ricetta, tratta dai miei snap sul canale Snapchat Ricette per passione (id ricetteperpassi), che da oggi è anche canale YouTube, per raccogliere tutte le nostre ricette. Dico “nostre” perché posso affermare con gioia e orgoglio di far parte di questa nuova meravigliosa avventura insieme ad altre sette fantastiche blogger. Grazie Germana per avermi voluta con te.

Seguiteci su snapchat (cercate RICETTEPERPASSI) e taggateci su instagram usando il tag #ricetteperpassione oppure inviateci i vostri snap.

Le altre fantastiche blogger che mi accompagnano in questo progetto sono:

La creatrice del progetto Germana de Le ricette di Mamma Gy

Elisa di Rienzo del blog Il fior di cappero

Barbara Beccarini del blog Un giorno senza fretta

Anna Rita Granata del blog Anna on the clouds

Beatrice del blog Crème de Cassis

Giorgia del blog Sogno in cucina 

Serena del blog Petite Patisserie

rose IMG_7061 IMG_7042 IMG_7021 IMG_7018

SCIROPPO DI ROSE
Write a review
Print
Ingredients
  1. 300 g di petali di rosa
  2. 1 litro di acqua bollente
  3. 1 kg di zucchero
  4. 1 limone a fette
Instructions
  1. Selezionate accuratamente i petali e puliteli strofinandoli su un panno pulito.
  2. Ponete i petali in una grande ciotola, copriteli con le fette di un limone e versatevi sopra l'acqua bollente.
  3. Coprite con un panno e lasciate macerare almeno 24 ore.
  4. Togliete petali e limone, strizzate bene i petali per ricavarne tutto il succo.
  5. Filtrate con un colino a maglie strette, meglio se coperto da un panno di cotone, il liquido ricavato.
  6. Ponete il liquido ottenuto insieme a pari quantità di zucchero, in una casseruola. Fate sobbollire per circa 20-30 minuti a fuoco dolce.
  7. Filtrate con un colino imbottigliate.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

Una rosa a tutti voi che mi seguite con affetto.

Veronica

IMG_6981

Pancakes al cacao

pancake_yo_cacao_2

pancake_yo_cacao_1

E se vi dico che queste foto le ho scattate a pochi giorni dall’acquisto della mia reflex e per di più in modalità automatica, ci credete?

Eppure, trovo che siano belle e che mi rappresentino.

Rappresentano perfettamente il mio blog con la mia personalità, disordinata, caotica ma colorata e piena di gioia.

Se anche voi amate le colazioni golose e nel weekend, amate coccolarvi la mattina tardi, questa ricetta fa per voi e la trovate su iFood.it.

Dolci golosità a tutti.

Veronica

pancake_yo_cacao_2 pancake_yo_cacao_vert pancakes_yo_cacao_4

Cupcake per la festa della mamma

IMG_6785

IMG_6815

La rosa è il fiore dell’amore e che decorazione potevano avere dei Cupcake da regalare alla vostra mamma per la sua festa se non questa?

Ho sempre ammirato questo tipo di decorazione e finalmente ci ho provato anche io.

Non è difficile come può sembrare, basta infatti decorare con una crema bella consistente che mantenga il disegno (in questo caso ho utilizzato la crema al burro) e utilizzare un beccuccio a stella in una comune sac à poche.

Per la base dei miei cupcake ho scelto un impasto al cioccolato, preso dal blog di Rosa e si tratta “nientepopodimeno” che dell’impasto per cupcake al cioccolato di Nigella Lawson!

Per la crema al burro mi sono invece affidata ai consigli della mia amica Valentina, date un’occhiata a questi due blog perché ne vale davvero la pena!

In fondo al post, il video mentre con la sac à poche formo le rose di crema.

Buona visione!

Cupcake per la festa della mamma
Write a review
Print
Ingredients
  1. 250 g di farina 00
  2. 2 cucchiai di cacao amara in polvere
  3. 175 g di zucchero
  4. mezzo cucchiaino di bicarbonato
  5. 2 cucchiaini di lievito per dolci
  6. 250 ml di latte
  7. 90 ml di olio di semi
  8. 1 uovo
  9. 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  10. 100 g di cioccolato fondente
  11. per la crema al burro
  12. 250 g di burro morbido
  13. 180 g di zucchero a velo
  14. 10 ml di latte caldo intero
  15. un cucchaino di estratto di vaniglia
  16. colorante alimentare a piacere (in gel o in polvere)
Instructions
  1. In una grande ciotola unite gli elementi secchi (farina setacciata, cacao, bicarbonato, lievito, zucchero.
  2. Aggiungete l'uovo leggermente sbattuto e gli elementi liquidi, quindi con una frusta mescolate il tutto energicamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Non è necessario mescolare troppo, giusto il tempo di amalgamare il tutto. Per ottenere dei cupcake morbidi il segreto è mescolare poco gli ingredienti.
  3. Scaldate il forno a 180° modalità statica.
  4. Riempite i pirottini per metà e cuocete per circa 20-25 minuti. Fate sempre la prova stecchino che deve uscire asciutto.
  5. Preparate intanto la crema al burro con uno sbattitore elettrico o nella planetaria, montando tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema bella liscia e gonfia. Montate il tutto per almeno 7-8 minuti.
  6. Una volta che i cupcake sono freddi, riempite una sac à poche con beccuccio a stella e formate le rose partendo dal centro del cupcake verso l'esterno.
Notes
  1. Se i cupcake non verranno consumati nell'arco della giornata, conservate la crema al burro in frigorifero dentro la sac à poche, tiratela fuori 15 minuti prima e decorateli al momento.
  2. I cupcake non decorati si conservano un paio di giorni dentro a contenitori ermetici.
  3. La crema al burro avanzata potete congelarla.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
 IMG_6819 IMG_6786 IMG_6809 IMG_6797 IMG_6792 IMG_6773 IMG_6805

Plumcake yogurt e frutti di bosco senza glutine

IMG_6730

IMG_6742 IMG_6736

Quanto mi piace questa stagione. I prati sono verdissimi, gli alberi in fiore e la temperatura è ottima per fare lunghe passeggiate.

In primavera si risveglia la mia voglia di natura e sento l’esigenza di mangiare più frutta e verdura, cose sane, leggere e ricche di vitamine, per lasciarsi alle spalle i vizi della stagione invernale.

Questo plumcake a base di yogurt da bere ai frutti di bosco, mirtilli e lamponi, è povero di zuccheri, povero di grassi ed è gustosissimo.

Una coccola sana per una merenda leggerissima.

Plumcake yogurt e frutti di bosco
Write a review
Print
Ingredients
  1. 1 uovo
  2. 100 gr di zucchero
  3. 1 bustina di lievito per dolci
  4. 200 gr di farina di riso
  5. 1 cucchiaio di fecola di patate
  6. una vaschetta di mirtilli
  7. una vaschetta di lamponi
  8. circa 250 ml yogurt liquido da bere
Instructions
  1. In una ciotola sbattete l'uovo con lo zucchero, versate lo yogurt e infine aggiungete le farine e il lievito fino ad ottenere una consistenza bella liscia e un pochino liquida.
  2. Unite i frutti e mescolate il tutto delicatamente.
  3. Questo impasto è molto umido e povero di grassi e le farine senza glutine lo rendono ancora più soffice.
  4. Cuocete in forno caldo a 180 gradi per circa 20-25 minuti se usate gli stampini da mini plumcake, se invece usate una tortiera o uno stampo grande da plumcake fate cuocere almeno 35-40 minuti, fate sempre la prova dello stecchino che deve uscire asciutto.
  5. Spolverate con zucchero a velo una volta freddo.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_6730 IMG_6700 IMG_6716

Linguine al rosmarino con melanzane fritte e pomodorini

IMG_6548

Primi piatti | 27 aprile 2016 | By

IMG_6551

Per questo primo piatto, mi sono ispirata ai primi piatti di due care amiche:

Le orecchiette con pomodorini confit e pesto di rucola de La Cucina di zia Ale e le penne integrali con zucchine fritte e scaglie di parmigiano de La mamma Cuoco.

Nascono così le mie linguine al rosmarino con melanzane fritte e pomodorini.

Un piatto gustosissimo che sa tanto di estate ed è tutto italiano.

Le linguine al rosmarino sono di PastaZARA e le ho trovate nella mia DegustaBox  qualche mese fa.

Che dite, le provate con me? Sanno di sole e di buono.
IMG_6552 IMG_6554

Linguine al rosmarino con melanzane fritte e pomodorini
Serves 2
Write a review
Print
Per due persone
  1. 150 g di linguine al rosmarino
  2. 1 melanzana
  3. circa 10 pomodorini confit
  4. sale e pepe
  5. olio EVO
  6. Per la frittura: olio di arachidi e farina
Instructions
  1. Cominciate lavando bene e asciugando i pomodorini, tagliateli a metà e disponeteli su una leccarda rivestita con carta forno. Cuocete a bassa temperatura (io 150) in forno statico per almeno 1 h 30.
  2. Lavate bene e asciugate la melanzana, tagliatela a fettine e successivamente a listarelle.
  3. Passate le listarelle di melanzane nella farina, scaldate l'olio di arachidi e friggetele. Ponetele su carta assorbente e una volta belle asciutte, salate.
  4. A parte fate bollire l'acqua della pasta. Salate e cuocete le linguine in acqua bollente per 9 minuti o il tempo indicato nella vostra confezione.
  5. Scolate la pasta e condite con i pomodorini, le melanzane, un filo di olio evo, un pizzico di sale e pepe.
  6. Gustate calda con un calice di vino rosso fermo.
  7. Buon appetito.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_6548 pomodorini

Pardulas alla ricotta (formaggelle sarde)

IMG_6517

IMG_6528

Questi dolcetti al formaggio sono un cavallo di battaglia di mia nonna materna.

Tipici dolci sardi dalla forma inconfondibile, le pardulas nascono dall’unione del formaggio fresco di pecora, con limone e zafferano.

Mio nonno faceva il pastore e noi avevamo la fortuna di mangiare il suo formaggio di pecora. In base al periodo, si aveva  a disposizione ricotta di pecora appena fatta, formaggio fresco, pecorino stagionato. Io impazzivo. Lo guardavo nella sua casettina di fianco casa, che era il suo laboratorio, seduto su una seggiolina di paglia e legno e davanti a sé un pentolone di latte, dal quale ricavava il formaggio.

Io lo osservavo per ore ed ore e aspettavo il momento in cui le sue grandi mani tiravano fuori dal pentolone la ricotta calda… con le mani prendevo e mangiavo. Non dimenticherò mai quegli odori e quei sapori

Le formaggelle si fanno solitamente  a Pasqua e per ogni occasione speciale: matrimoni, compleanni, Natale. In alcune zone della Sardegna viene sostituito il formaggio “acido” con la ricotta, per un gusto più cremoso e delicato.

Per chi vuole avventurarsi nella ricetta classica di nonna, vi consiglio di cercare il formaggio fresco di pecora (simile al primo sale ma senza sale!) direttamente da un pastore di fiducia e di lasciarlo una notte fuori dal frigo a inacidirsi leggermente.

In alternativa c’è chi usa il primo sale anche se io trovo il gusto diverso e consiglio di sostituire il formaggio con la ricotta di pecora (sempre km 0 se possibile, non confezionata di marca).

 

Con questa dose vi usciranno circa 7-8 formaggelle. Se volete farne per tutta la famiglia come fa nonna…. moltiplicate per dieci 😀

 
IMG_6529 IMG_6536 IMG_6515

Con questa ricetta partecipo al contest Foodbloggest di Esperienze Gustose, la manifestazione dedicata alla cucina, in programma dal 6 all’8 maggio a Villa La Mattarana a Verona”.

banner per foodblogger

Pardulas (formaggelle)
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per il ripieno
  2. 100 gr di ricotta di pecora fresca
  3. circa 3 cucchiai di farina 00 (circa 25 gr)
  4. circa 2 cucchiai di zucchero
  5. mezzo cucchiaino di zafferano
  6. un pizzico di sale
  7. 1 tuorlo d'uovo
  8. la buccia grattugiata di un limone non trattato
  9. Per la pasta
  10. 100 gr di farina 00
  11. 1 cucchiaino di strutto di maiale
  12. 1 albume d'uovo
  13. un pizzico di sale
  14. acqua tiepida q.b.
Instructions
  1. Per il ripieno
  2. 100 gr di ricotta di pecora fresca
  3. circa 3 cucchiai di farina 00 (circa 25 gr)
  4. circa 2 cucchiai di zucchero
  5. mezzo cucchiaino di zafferano
  6. un pizzico di sale
  7. 1 tuorlo d'uovo
  8. la buccia grattugiata di un limone non trattato
  9. Per la pasta
  10. 100 gr di farina 00
  11. 1 cucchiaino di strutto di maiale
  12. 1 albume d'uovo
  13. un pizzico di sale
  14. acqua tiepida q.b.
  15. Cominciate dalla pasta.
  16. Sulla spianatoia, disponete la farina a fontana e nel mezzo aggiungete l'albume, lo strutto e il pizzico di sale.
  17. Impastate con le mani sbriciolando il tutto e bagnandovi le mani fino ad ottenere un panetto liscio e morbido.
  18. Fate riposare coperto da un canovaccio pulito per almeno 30 minuti.
  19. Nel frattempo dedicatevi al ripieno e accendete il forno a 170°, modalità ventilata.
  20. In una ciotola, mescolate la ricotta, con la farina, lo zucchero, il tuorlo, la buccia grattugiata del limone e infine unite lo zafferano e una presa di sale. Amalgamate il tutto in una crema liscia non troppo liquida.
  21. Stendete la pasta molto sottile con un mattarello o eventualmente con la macchina per la pasta fresca. Si deve ottenere una sfoglia sottile, come per i ravioli.
  22. Con una coppa pasta rotondo ricavate tanti cerchi di pasta. Al centro di ogni cerchio, ponete un cucchiaino di ripieno e richiudete pizzicando con le dita la pasta intorno al ripieno per ottenere la classica forma a sole. In alternativa ricavate un rettangolo di pasta e ponete tante palline di ripieno distanziate tra loro e richiudete la pasta ai lati del ripieno pizzicando tra una pallina e l'altra e dando forma concentrica alla biscia di pasta ottenuta.
  23. Disponete le pardulas ottenute su una teglia rivestita con carta da forno e fate cuocere in forno caldo a 170° per circa 30 minuti fino a quando il ripieno sarà bello dorato.
  24. Una volta fredde, decorate con miele, miele e zuccherini oppure glassa.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

 

Burger Buns (panini per hamburger allo yogurt)

IMG_6422

burger_buns

Prendi 8 amici e la voglia di stare insieme. Poca voglia di “spignattare” ma tanta di mangiare e offrire qualcosa di buono.

Sabato scorso è andata esattamente così.  Avevo voglia di accogliere 3 coppie a casa per passare una serata piacevole insieme. Non sapevo come accontentare i gusti di tutti ma soprattutto, non volevo passare il pomeriggio ai fornelli per ritrovarmi poi la sera distrutta.

Inizialmente ho pensato alla classica grigliata in giardino, ma la sera da queste parti fa ancora freschetto e si rischiava di congelare…

Così ho pensato ad una serata HAMBURGER! Piacciono a tutti e fanno tanto festa! Non volevo però limitarmi a grigliare la carne e farcire il panino confezionato, così ho cercato un’ottima ricetta per i burger buns su IFOOD.IT, a base di yogurt e latte.

Il risultato? Lo vedete dalle foto… talmente buono che ho dovuto fotografare il panino smangiucchiato!!!

Io ho impastato due volte, ottenendo 16 panini. Con una dose singola ne otterrete quindi 8.

Che aspettate ad impastare? 

La domenica è perfetta per mettere le mani in pasta. Chiamate un paio di amici e godetevi l’ultima serata del weekend!

                                                                                                                     HAPPY BURGER DAY!
IMG_6417 IMG_6422

burger buns allo yogurt
Write a review
Print
Ingredients
  1. BUNS ALLO YOGURT
  2. 10 g lievito di birra fresco
  3. 120 ml latte tiepido
  4. 420 g farina (metà 00 e metà manitoba)
  5. 30 g zucchero semolato
  6. 120 g yogurt bianco (a T. ambiente)
  7. 8 g sale
  8. 1 uovo
  9. 40 g burro morbido
  10. 2 cucchiai latte per spennellare
  11. semi di sesamo o altri semi a piacere
Instructions
  1. Sciogliete il lievito nel latte tiepido, poi unite la farina, lo zucchero e poi lo yogurt, quindi il sale e mescolate a fondo. Aggiungete l’uovo e fatelo assorbire completamente, quindi il burro. Se usate la planetaria aumentate leggermente la velocità e fate incordare (l’impasto si avvolge completamente sul gancio a foglia diventando liscio e compatto), altrimenti impastate bene a mano e poi con una spatola curva morbida prendete un angolo dell’impasto e allungatelo fino a portarlo verso il centro. Procedete così in senso orario per 10-15 minuti finché non cambia consistenza diventando liscio. Formate una palla e mettete in una ciotola, coprite e fate raddoppiare (circa 1,5 ore a 22 gradi).
  2. Disponete l’impasto su una spianatoia infarinata e dividete in 6 parti uguali. Formate 6 sfere compatte e disponetele su una teglia foderata con carta da forno. Ungete della pellicola e ricoprite fino al raddoppio (circa 1 ora).
  3. Scaldate il forno a 180 gradi, spennellate i buns con il latte, spolverate con semi di sesamo e infornate per 20-25 minuti, finché sono ben dorati.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

Girelle con crema alla colomba

IMG_6309

IMG_6309

Se come me, avanzate sempre la Colomba perché prediligete il cioccolato delle uova, ecco un dolcetto veloce per riciclarne gli avanzi.

La ricetta l’ho vista su Cucina Moderna e non vedevo l’ora di provarla.

Basta preparare una crema pasticcera veloce, alla quale unire la colomba a pezzetti, spalmarla sulla pasta sfoglia, arrotolare e tagliare a fettine. Poi cuocere in forno et voilà, il dolcetto è pronto. 

Devo ammettere che il gusto mi ha stupita. La crema avvolgente e profumata si sposa molto bene con la croccantezza della pasta sfoglia.

Un dolcetto stuzzicante per il té delle 5 o per il dopo cena.

IMG_6314

Girelle con crema alla colomba
Write a review
Print
Ingredients
  1. 1 confezione di pasta sfoglia
  2. 100 g di colomba o panettone
  3. 3,5 dl di latte
  4. la scorza di un limone non trattato
  5. 2 cucchiai di fecola di patate
  6. 2 tuorli d'uovo
  7. 40 g di zucchero
Instructions
  1. In una casseruola portate ad ebollizione il latte con la scorza del limone
  2. Intanto in una ciotola montate i tuorli con 40 g di zucchero, incorporatevi la fecola e il latte scaldato.
  3. Portate il composto a ebollizione mescolando con una frusta. Spegnete e incorporate la colomba a pezzettini. Fate raffreddare adagiando la casseruola su acqua e ghiaccio.
  4. Srotolate la pasta sfoglia e spalmateci sopra la crema. Arrotolatela lungo il lato maggiore e tagliate a rondelle
  5. Adagiate le rondelle su una teglia rivestita con carta forno e cuocete in forno caldo a 190 per circa 20 minuti, fino a che saranno belle dorate.
Adapted from Cucina Moderna
Adapted from Cucina Moderna
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_6327

Nidi di Pavlova

IMG_6163

IMG_6161

La Pavlova è un dolce tipico dell’Australia e della Nuova Zelanda. Si narra che sia stata inventata da uno chef di Wellington in onore di una ballerina di nome appunto Anna Pavlova.

La particolarità di questo dolce è di essere croccante fuori e morbido e scioglievole all’interno. Si presta alla monoporzione e a farciture fresche come creme alla panna e frutti estivi.

Io mi sono divertita, facendo diventare le monoporzioni dei piccoli nidi pasquali.

Questo dolce è incredibilmente facile da fare, dovete solo stare attenti alla cottura in forno che deve essere molto lenta e a basse temperature, altrimenti l’interno rischia di asciugarsi troppo, trasformando il dolce in una meringa secca.

Con questa ricetta concludo il ciclo di ricette pasquali e auguro a tutti voi una serena Pasqua fatta di pace, amore e relax.

Veronica

Nidi di pavlova
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per 4 monoporzioni
  2. 60 g di albume d'uovo (circa 2 albumi) a temperatura ambiente
  3. 60 g di zucchero a velo
  4. 60 g di zucchero semolato
  5. Nella ciotola della planetaria mischiate i due zuccheri
  6. Togliete un terzo del composto e tenete da parte
  7. Aggiungete gli albumi ai 2/3 di zucchero e montate a neve con la planetaria a velocità media per almeno 10-15 minuti fino a quando otterrete una meringa lucida e gonfia che forma il classico becco d'oca bello fermo sulla frusta.
  8. Facendo attenzione a non smontare la meringa, aggiungete lo zucchero rimanente ed amalgamate con movimenti delicati dal basso verso l'alto.
  9. Riempite una tasca da pasticcere con bocchetta a stella e formare due giri di meringa su una teglia rivestita con carta forno, facendo attenzione a lasciare il buco in mezzo del vostro "nido".
  10. Cuocete in forno caldo a 105 gradi per 30 minuti circa. Al tatto il guscio esterno deve risultare cotto e quindi secco ma all'interno deve restare morbida.
  11. Lasciate raffreddare in forno spento con sportello leggermente aperto.
  12. Farcire e decorare a piacere.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

IMG_6163

PicMonkey Collage

IMG_6164 IMG_6165

CONSIGLIA Insalata di orzo, verdure e gamberi