Panadas con carne di maiale per #kikkomania

Questa ricetta mi sta davvero a cuore.

Non solo rappresenta le mie origini sarde e mi riporta a sapori che amo, è anche la mia seconda proposta per il contest #kikkomania in collaborazione con Kikkoman e iFood.

Le Panadas sono delle tortine salate ripiene di carne di maiale, solitamente preparate con aglio e prezzemolo.

Ho rivisitato la ricetta, cucinando la carne con la salsa di soia e il cipollotto, un ripieno che ricorda i ravioli di carne giapponesi.

Trovate ricetta e video-ricetta su iFood.it!

Spero vi piaccia.

A prestissimo,

Veronica

 

Conchiglie al forno con radicchio, noci e gorgonzola per Granoro

Un piatto ricco e gustoso che esalta tutta la bontà di questa pasta trafilata al bronzo.

La mia ricetta per Granoro la trovate su iFood cliccando qui:

Conchiglioni ripieni

Un piatto semplice ma buonissimo, da leccarsi i baffi e fare il bis.

conchiglie al forno

 

Ravioli sardi di patate e menta: i Culurgiones

 

16 dicembre 2014.  Piccola piccola, ammaliata dai blog più belli in circolazione e da un gruppo di donne unite da una forte passione e da una grande amicizia, decido di aprire il mio blog. Solo la parola mi fa paura… (io che fino ad allora avevo solo pubblicato su facebook le foto dei miei piatti e nemmeno sapevo come fare a crearlo).

Apro google e digito: ‘come aprire un blog’. Nemmeno le basi conosco. L’ A-B-C del web. Leggo di guru del web, che guadagnano fior di quattrini per le visualizzazioni, leggo di sognatori, che investendo giorni, notti e anni sul proprio blog, si sono creati un nome, un seguito. 

Mi spavento. Chiudo il pc e vado a letto.

Al mio risveglio, come tutti i giorni, apro instagram. La prima foto che mi appare è di Enrica Panariello alias Chiarapassion e penso: ‘quanta bellezza, quanta passione, anch’io voglio imparare a fare foto così belle’. La fotografia e la cucina da sempre sono le mie passioni più grandi e non c’è giorno che in casa mia non si produca qualcosa di buono. Ci provo! 

Ed eccomi qua a nemmeno un anno dall’apertura del blog a raccontarvi di un progetto fantastico e di persone altrettanto stupende che stanno credendo in me. Certo, sono solo una piccola stellina di quel cielo color tiffany che si chiama iFood, ma sono fiera di farne parte.

iFood è un network dove i blogger si sporcano le mani e ci mettono la faccia.

iFood è un magazine online fighissimo, fatto di Infinito amore per il cibo e di ricette da Food Blogger provenienti da tutta Italia, notizie, racconti ed eventi dal mondo del Food.

iFood presenta ogni settimana 6 dei propri Food Blogger, tra i quali da oggi ci sono anche io.

iFood ha creduto in un sogno e lo ha fatto diventare realtà.

Come vedete il mio blog ha cambiato volto e pian piano cercherò di renderlo sempre più completo e interattivo.

Festeggio con voi questo traguardo per me importantissimo, regalandovi la ricetta dei Culurgiones, i ravioli sardi ogliastrini ripieni di patate, menta e pecorino. Mia nonna, pur essendo del Cagliaritano, ha imparato a farli da una signora del posto e mi ha trasmesso la ricetta. Per la tipica chiusura a spiga di grano devo ringraziare una carissima amica di Villasimius, che mi ha mostrato come fare. In fondo il video dove mostro come chiuderli. Sembra difficile ma una volta capito il meccanismo è un gioco da ragazzi.

Come vedete, da oggi, la ricetta sarà in fondo all’articolo in versione stampabile (figa nè?).

Alla prossima! 

(Sempre la solita svampita) Veronica

Consigli:

  • Stendete la pasta sottile ma non troppo. Se troppo spessa, resteranno crudi nella parte della cucitura, se troppo sottile si apriranno in cottura. Io l’ho stesa a mano cercando di renderla sottile senza bucarla.
  • Fate cuocere in acqua bollente per max. 4 minuti altrimenti si apriranno.
  • Usate menta a foglia larga, risulta aromatica ma meno invadente della menta piperita a foglia appuntita e secondo il nostro gusto si sposa meglio con patate e pecorino. (opinione personale)
  • Se non avete pecorino, usate il parmigiano reggiano fresco. Sono buoni ugualmente, più delicati.

IMG_1297

IMG_1299

Ingredienti

Per il ripieno:
1 kg patate preferibilmente rosse
1/2 bicchiere di olio EVO
2 spicchi d’aglio
2 etti e 1/2 di formaggio di pecora (per metà stagionato e per metà fresco. In alternativa andate di parmigiano reggiano)
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di zucchero
2 o 3 cucchiai di menta fresca tritata (regolatevi a seconda dei gusti)

Per la pasta:
400 g di semola rimacinata di grano duro
100 g di farina 00
220 g acqua
1 cucchaio di olio EVO

Procedimento

1. Lavate accuratamente le patate e immergetele in acqua tiepida leggermente salata. Spegnete dopo 5 minuti dal bollore. Togliete la buccia e schiacciatele bene in una ciotola capiente.
2. Fate soffriggere l’aglio a pezzetti nel mezzo bicchiere di olio e toglietelo non appena si fa biondo.
3. Unite alle patate l’olio aromatizzato, la menta tritata, il pizzico di sale, lo zucchero e il formaggio grattugiato. Coprite con pellicola e mettete da parte.
4. Disponete la farina a fontana sulla spianatoia e aggiungete nel classico buco al centro l’olio e l’acqua poca alla volta. Impastate fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea e copritela con un panno pulito. Fatela riposare una decina di minuti.
5. Preparate i vassoi e insemolateli bene.
6. Stendete la pasta con il mattarello, cercando di renderla sottile ma elastica. Con l’aiuto di una tazzina da caffè o di un cilindro coppa pasta, ricavate tanti cilindri, al centro del quale andrete a mettere una bella pallina di ripieno. Per la cucitura vi rimando al mio video.

Note

1. Cuocere in acqua bollente per 3-4 minuti.
2. I culurgiones, se non consumati subito possono essere congelati direttamente sui vassoi di carta. Una volta surgelati, conservare porzionati nei classici sacchetti per alimenti e buttare in acqua bollente senza fare scongelare.

IMG_1314 IMG_1313 (2)

Soli ripieni con bieta e prosciutto

Iniziamo il weekend con una ricetta perfetta per il pranzo della domenica.

I Soli ripieni altro non sono che ravioli di pasta fresca ripieni a forma di sole.

Perché sta per arrivare la primavera e abbiamo voglia di tante cose belle.. E poi che domenica sarebbe senza ravioli?

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g farina > 00, semola o integrale 
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio d’olio
  • Acqua tiepida qb

Per il ripieno

  • Bietole bollite 
  • Sale e pepe
  • Noce moscata
  • Parmigiano reggiano grattugiato
  • Ricotta 200 g
  • 100 g di prosciutto cotto frullato

Per condire 

  • Sugo di pomodoro e pecorino fresco grattugiato 


Cominciate dalla pasta fresca.

Disponete la farina sulla spianatoia a fontana, aggiungete  1 pizzico di sale e adagiate nel centro le due uova e il cucchiaio d’olio. Cominciate ad amalgamare tutto con le mani, rompendo le uova e spostando la farina dall’esterno verso l’interno.

Aggiungere l’acqua a filo, quanto basta ad amalgamare tutto e a formare un panetto compatto e morbido.

Coprite con un canovaccio e lasciate riposare 20 minuti.

Prendete la vostra macchina per la pasta e cominciate a stendere le vostre lasagne. Devono essere molto sottili, così da conferire delicatezza al raviolo, personalmente non amo la pasta ripiena troppo spessa.

Una volta stese sulla spianatoia infarinata le vostre lasagne dedicatevi al ripieno.

Frullate in un mixer la bieta, il prosciutto, la ricotta e unite il parmigiano e gli altri gusti. Se l’impasto dovesse risultare troppo morbido aggiungere un po’ di parmigiano e un po’ di prosciutto. Io vado molto a occhio. Attenzione a non esagerare con il parmigiano o vi ritroverete un ripieno troppo salato.

Prendete una sac à poche e riempitela con il ripieno. Tagliate la punta con le forbici e porzionate il ripieno su metà delle lasagne. Adagiate le lasagne rimaste sopra quelle farcite e con i polpastrelli premete bene intorno al ripieno. Questa operazione è importante affinché i ravioli non si aprano in cottura.

Date la forma ai ravioli con un taglia biscotti rotondo a forma di piccolo cookie come quello in foto. Se non lo avete usate la classica rotella dentellata.

Preparate un sugo semplice di pomodoro con aglio e basilico e cuocete i soli in acqua leggermente salata per qualche minuto.

Più sottile sarà la pasta più presto farà a cuocere. Lasciateli 2 minuti da quando salgono a galla e mettete un filo d’olio nell’acqua per evitare che si attacchino l’uno all’altro.

Buona domenica di sole 

Veronica 


 

CONSIGLIA Insalata di tuberi e yogurt greco