Asparagi in padella con riso venere e uova all’occhio di bue

Finalmente è arrivato aprile, con le sue belle giornate e la voglia di mangiare all’aria aperta.

Noi di #seiincucina non potevamo che proporre una lista tutta primaverile, pensata per piatti veloci da portare sui prati, buoni sia caldi che freddi, per mangiare in compagnia su una coperta a quadretti o semplicemente fuori in giardino.

 
Le giornate ormai si sono allungate, l’aria è più tiepida e finalmente possiamo dire di esserci quasi lasciati l’inverno alle spalle.
Abbiamo più voglia di uscire e stare all’aria aperta, abbiamo più… VOGLIA DI PICNIC!
 

E’ questo il tema di aprile.

Create la ricetta dolce e/o salata che la bella stagione vi ispira,
GIOCATE CON NOI DI Sei in cucina E CON LA NUOVA
LISTA INGREDIENTI
Ricordate che l’ingrediente chiave del mese è obbligatorio e va abbinato ad almeno altri due ingredienti della lista. Prelevate la locandina qui sotto, preparate la vostra ricetta e GIOCATE!
Usando gli ingredienti della lista del mese, potrete creare la vostra ricetta, prendere spunto o rifare una di quelle proposte da noi.
 
La mia ricetta è molto semplice ma super gustosa anche fredda.
Ingredienti per due persone
– Un mazzo di asparagi selvatici
– 2 uova
– scaglie di parmigiano a piacere
-olio evo per condire
– 200 g di riso venere
 
Procedimento
1) Cuocete gli asparagi selvatici a vapore per una quindicina di minuti.
2) Nel frattempo cuocete il riso venere in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione.
3) Se consumato caldo: prendete una padella e cuocete un uovo a testa all’occhio di bue. Una volta cotto, scaldate in padella il riso e conditelo con olio e scaglie di parmigiano. Componete il piatto con i tre ingredienti.
4) Se consumato freddo: Cuocete tutti gli ingredienti e componete un’insalata di riso, tagliando gli asparagi a cubetti e ponendo sopra l’uovo all’occhio di bue. Ponete in un contenitore ermetico e gustate sui prati.
 
 
Buona scampagnata! Vi aspettiamo sul nostro gruppo Facebook per giocare con noi!
 
 

Riso venere con gamberi al profumo di cognac

post

Inesorabilmente per me, come ogni anno, è arrivato il momento di mettersi a dieta in vista della stagione estiva, dopo i vizi della stagione fredda.

Amo impastare, amo i dolci e durante l’inverno ogni scusa è buona per produrre qualche lievitato o qualche ricetta dolce elaborata. Vedo le foto e devo subito provare a riprodurlo.. è più forte di me.

L’estate 2016 non è però un’estate come un’altra.. arriva il grande giorno tanto atteso fin da bambina, per cui devo essere ancora più in forma!

Chi mi conosce sa che dopo qualche mese di dieta, più o meno ferrea che sia, divento triste. Amo troppo cucinare e mangiare per accontentarmi delle solite tre-quattro ricettine light iposodiche, ipocaloriche, ipotutto insomma …

Ecco che allora ho deciso di inaugurare un nuovo periodo per il mio blog. Fatto di ricette equilibrate e sane, per sentirsi in forma senza rinunciare troppo al gusto, che altrimenti diventiamo tutte isteriche e ci devono sopportare i nostri uomini o le nostre madri, vero?

Ecco quindi un piatto unico che si ispira alla cucina orientale, con ingredienti reperibilissimi nel supermercato vicino casa. Un piatto fusion tra gli abbinamenti italiani (zucchine e gamberi vanno a braccetto in molte delle nostre ricette) e il piatto unico orientale. Anche la scelta di gustarlo nella tipica ciotola orientale da un gusto tutto particolare al tutto. 

In più non dimentichiamoci che il riso venere ha un sacco di proprietà eccezionali. Si tratta infatti di un riso integrale, ricco in ferro, che mantiene la fibra grezza. Ricco in antiossidanti, sali minerali, contrasta l’invecchiamento e innalza le difese immunitarie.

Un vero elisir di bellezza e salute insomma.

Ecco la mia ricetta per due persone:

Riso venere con gamberi e cognac
Serves 2
Write a review
Print
Ingredients
  1. 200 g di riso venere
  2. 1 zucchina verde grande
  3. 2 cucchiai di cognac
  4. 2 cucchiai di olio EVO
  5. circa 10 gamberi
  6. sale e pepe a piacere
Instructions
  1. In un pentolino portate l'acqua a bollore, salatela come per la pasta e buttate il riso. Lasciate cuocere per almeno 15 minuti e assaggiate. A me piace piuttosto al dente ma se preferite, fatelo cuocere ancora.
  2. In una wok fate scaldare leggermente 1 cucchiaio di olio evo.
  3. Lavate accuratamente e tagliate a listarelle sottili una zucchina e fate soffriggere nel cucchiaio di olio. (per una variante più dietetica, fate cuocere in una padella di pietra senza olio)
  4. Una volta tenera la zucchina, unite i gamberi sgusciati.
  5. Fate cuocere muovendo la padella per 2-3 minuti.
  6. Sfumate con il cognac e spegnete il fuoco.
  7. Scolate il riso e mantecate nella wok insieme al resto per pochi minuti.
Notes
  1. Questo piatto è buono sia caldo che freddo come "schiscetta"
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_5581 IMG_5592 IMG_5583

Risotto al barbera e scorzone (tartufo nero estivo)

  

In questo periodo sto accusando tutto lo stress di 1 anno a questa parte. Lavoro e ristrutturazione della casa hanno assorbito tutte le mie energie, e forse, complice il fatto che 99 su 100 non andrò in vacanza al mare, il mio fisico sta lanciando segnali di stanchezza. Perdonatemi se a volte non riuscirò a pubblicare sul blog..È una cosa che mi pesa tantissimo. Tengo a questo spazio davvero tanto e non vedo l’ora di passare l’estate sperando di essere trasferita con la casa in ordine.

Vi lascio la ricetta del risotto al barbera con scorzone, il tartufo nero estivo, regalo di amici.

Questo tipo di tartufo conferisce sapore se cotto a lungo, per questo ho scelto di utilizzarlo in un risotto.

  
  

Ingredienti x 4 persone

  • 4 piccoli tartufi
  • 300 g di riso carnaroli
  • Vino rosso fermo (io barbera d’asti)
  • Brodo vegetale 
  • Sale due pizzichi
  • Una noce di burro x mantecare 
  • 1 scalogno
  • Olio evo

Procedimento

  • Pulite i tartufi spazzolandoli con uno spazzolino pulito per eliminare i residui di terra
  • Preparate un brodo vegetale con carota, sedano e cipolla 
  • Prendete una casseruola e fate un soffritto con lo scalogno tagliato fine e un filo d’olio
  • Quando lo scalogno comincia a diventare trasparente unite il riso e fatelo tostare
  • Intanto grattugiate due tartufi e tenetene due da parte x la guarnizione dei piatti individuali 
  • Sfumate il riso con abbondante vino e lasciate evaporare
  • Unite il brodo un mestolo alla volta e lasciate cuocere il riso lentamente. Unite il tartufo grattugiato. Unite il brodo solo quando completamente assorbito. Io amo il risotto bello al dente, si devono sentire i chicchi uno per uno.
  • Quando il riso è cotto, spegnete il fuoco e unite una noce di burro. Mantecate.
  • Porzionate il riso nei piatti con l’aiuto di un taglia biscotti o un coppa pasta.
  • Aggiungete abbondanti fettine di tartufo belle sottili e se volete anche grattugiato 
  • Infine guarnite con un filo di extravergine 
  • Gustate caldo
  • Noi lo abbiamo gustato domenica a pranzo in giardino 

   
  

  

 

CONSIGLIA Crostoni di pane con asparagi uova e senape