Trota salmonata al forno con pomodorini, lime e menta

Ecco anche questo mese l’appuntamento con SEI IN CUCINA – La sfida degli ingredienti.

Per chi ancora non lo sapesse, ogni mese, giochiamo sul nostro Gruppo Facebook (appunto SEI IN CUCINA) con una nuova lista ingredienti, sfidandoci a suon di ricette originali sia dolci che salate a partire da questi ingredienti.

L’ingrediente chiave è obbligatorio e ad esso ne vanno abbinati almeno altri due dalla lista.

Ma avete visto quanto sono belli e freschi gli ingredienti di giugno? Io li adoro tutti. Colore, natura, gusto!

Il mio piatto salato è semplicissimo, ma pieno di gusto, proprietà e colore.

Vi basterà infatti mettere in forno a 160 gradi per circa 30 minuti un filetto di trota salmonata o se preferite di salmone, condito con fette di lime, foglie di menta, olio EVO, pomodorini ciliegino, olive taggiasche, sale e pepe.

Et voilà, un pranzetto veloce, perfetto in giardino con una bella limonata fresca aromatizzata alla menta.

Nei blog delle mie amiche, le altre 5 admin del gioco, trovate anche le loro proposte alle quali potete ispirarvi.

lablondenfarinee.com

lacucinadiziaale.ifood.it

lamammacuoco.ifood.it

elisainthesweetlife.com

marziabalza.com

Per partecipare, chiedete l’iscrizione al nostro gruppo su FACEBOOK–> SEI IN CUCINA – IL GRUPPO e inserite il link alla vostra ricetta con un commento sotto il post fissato in alto. A fine mese noi sei admin decreteremo la ricetta vincitrice, votando democraticamente tutte le vostre ricette. Considereremo fantasia, originalità e bontà della ricetta ma anche cura dell’articolo e delle fotografie.

Ricordatevi di taggare le foto delle vostre ricette anche su INSTAGRAM usando il nostro hashtag #SEIINCUCINA, ogni giorno infatti scegliamo una foto da repostare nella nostra instagallery!

A presto e buon divertimento con SEI IN CUCINA – La sfida degli ingredienti!

Spiedini indonesiani

Dopo il mio viaggio di nozze tra Singapore, Bali e le Isole Gili, non potevo esimermi dal provare qualche piatto tipico assaggiato in loco.

Ecco quindi dei golosi spiedini di pollo, serviti con una vellutata salsa di arachidi che li rende ancora più buoni.

                                       Trovate la ricetta su iFood.it, vi aspetto!

spiedini_indonesiani img_0014-2

Involtini sfiziosi con manzo, mozzarella e prosciutto

Involtini_impanati_veloci_carne_mozzarella_prosciutto

Questi involtini sono golosissimi e perfetti per chi ha poco tempo a disposizione ma vuole viziare i propri commensali.

Se poi, volete camuffare la carne a chi non piace o ai più piccini, non se ne accorgeranno nemmeno.

Sono talmente golosi che accontenterete tutti.

La mozzarella filante poi, insieme alla panatura croccante, rende questo peccato di gola  indimenticabile.

In fondo al post trovate la mia video-ricetta, tratta dal canale snapchat di ricette per passione (@ricetteperpassi), canale nato dalla collaborazione di 10 amiche food blogger, dove ogni giorno trovate ricette facili e gustose da tutte noi!

 

Se replicate la mia ricetta, usate l’hashtag #ricetteshabby su instagram, alla fine di ogni mese, pubblicherò le più belle sulla mia pagina facebook Lamiacasashabby 🙂

 

 

Involtini sfiziosi con manzo, mozzarella e prosciutto
Write a review
Print
Ingredients
  1. 1 mozzarella di bufala D.O.P.
  2. 120 g di prosciutto cotto
  3. rucola
  4. 200 g fettine di carpaccio di manzo
  5. pane grattugiato
  6. 1 uovo
  7. sale e pepe
  8. olio per friggere
Instructions
  1. In una ciotola sbattete l'uovo con il sale ed il pepe
  2. Preparate un piatto con il pan grattato e prendete un tagliere abbastanza grande per lavorare in comodità
  3. Tagliate la mozzarella a fette
  4. Disponete una fetta di carpaccio sul tagliere e cominciate a riempire l'involtino, iniziando con una fetta di prosciutto.
  5. Continuate ponendo al centro una fetta di mozzarella e qualche ciuffo di rucola
  6. Richiudete l'involtino a fazzoletto, impanatelo passandolo prima nell'uovo sbattuto e successivamente nel pane grattugiato.
  7. Friggete in abbondante olio caldo
  8. Gustate gli involtini caldi, su un letto di rucola o con insalata e salse a piacere.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

secondo_facile_veloce_carne_mozzarella_prosciutto

Polpette riciclo con arrosto e spinaci

IMG_5046

Benvenuto 2016!

Iniziamo il nuovo anno con in testa mille milioni di idee come al solito. Millecinquecento progetti. Duemilaottocento buone intenzioni. Tremilasettecento promesse a me stessa e non.

Sono da sempre una persona che vuole fare TUTTO. Mi entusiasmo con poco e questo credo sia un pregio ma ho anche la presunzione di poter riuscire a fare dieci cose a tempo e farle bene.

Ok, scendo dalle nuvole e vi propongo una ricetta che ha tutto del BUON PROPOSITO: risparmiare e riciclare in cucina, evitando gli sprechi. Vi piace?

p.s un altro buon proposito del 2016 è anche quello di scrivere post un po’ più interessanti del: “Oggi facciamo le polpette, ciao”. Ho il difetto di essere sempre troppo sintetica.

Spero di avervi fatto sorridere ma soprattutto di aver proposto una ricettina interessante, sana ed economica.

Buon anno pieno di promesse mantenute a tutti <3

Veronica

Polpette riciclo con spinaci e arrosto
Write a review
Print
Prep Time
30 min
Cook Time
5 min
Prep Time
30 min
Cook Time
5 min
Ingredients
  1. 3-4 fette di arrosto o 2 pezzi di cappone al forno
  2. 100 g di spinaci passati in padella
  3. 1 uovo
  4. 1 cucchiaio di formaggio grana
  5. circa 2 cucchiai di pan grattato
  6. Olio di semi per friggere
Instructions
  1. Ho passato in padella gli spinaci ben lavati con un bicchiere di acqua, giusto un paio di minuti. Ho aggiunto uno spicchio di aglio, un filo d'olio, sale e pepe a piacere
  2. Ho frullato gli avanzi di carne con gli spinaci tamponati con della carta assorbente
  3. Ho trasferito il tutto in una ciotola e aggiunto 1 uovo, formaggio grana e pan grattato, giusto qualche cucchiaio per compattare il tutto. Ho formato con le mani umide delle palline che ho poi passato nel pan grattato (se volete potete passarle anche nella farina)
  4. Ho fritto le polpette in olio di semi bollente per circa 5 minuti rigirandole, fino a doratura.
Notes
  1. Sono buonissime sia calde che fredde come finger food.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_5036

Cappone al forno, con miele, cognac e arancia

 

La mia proposta per il secondo piatto di Natale è il Cappone con miele, cognac e arancia.

Un piatto tradizionale, rivisitato nei profumi e negli aromi.

Lo so, che state aspettando gli auguri di Natale, ancora non li ho fatti perché ve li farò presto in modo speciale.

Restate connessi e domani arriverà una sorpresa per voi!

Intanto leggetevi la ricetta del mio cappone:

Cappone al forno, con miele, cognac e arancia
Serves 4
Write a review
Print
Ingredients
  1. 1 cappone da circa 2 kg
  2. 60 g di miele
  3. 2 rametti di rosmarino
  4. 1 spicchio d'aglio
  5. olio EVO
  6. due o tre arance tagliate a fettine, con la buccia
  7. 2 bicchierini di cognac
  8. sale a piacere
  9. pepe nero a piacere
Instructions
  1. Lavate il cappone sotto acqua corrente e riempite una grande casseruola di acqua.
  2. Accendete il fuoco.
  3. Appena l'acqua comincia a bollire, inserite il cappone e lasciatelo sbollentare per almeno 10 minuti, rigirandolo. Questa operazione vi permetterà di sgrassarlo un pochino.
  4. Nel frattempo preparate la teglia dove cuocerete il cappone in forno e disponete tante fettine di arancia sul fondo.
  5. Sistemate il cappone al centro della pirofila e inserite al suo interno i 2 rametti di rosmarino.
  6. In una ciotola mescolate il miele con un po' di olio EVO, l'aglio tritato finemente, il sale e il pepe.
  7. Versate sul cappone il cognac e spennellatelo il composto di miele.
  8. Cuocete in forno caldo a 180° per un paio d'ore, anche 2 ore e 30.
  9. Verso metà cottura coprite con carta stagnola e toglietela l'ultima mezzora.
  10. Bagnate di tanto in tanto la superficie con il fondo di cottura, aiutandovi con un cucchiaio.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_4890

IMG_4874

Sformato di patate

IMG_3930

Una ricetta facile per gustare al meglio le patate al forno.

Una ricetta salva cena, che con pochi ingredienti vi fa portare in tavola un piatto unico nutriente e gustoso.

Mi sono ispirata alla copertina di settembre di Sale & Pepe, che presentava uno sformato come questo, ma non trovando in casa la rivista, causa trasloco (ebbene sì, sono negli scatoloni da circa una settimana) ho proceduto a memoria e a istinto.

Formaggio, patate e spinaci.

PicMonkey Collage

Sformato di patate
Write a review
Print
Ingredients
  1. Spinaci in foglie
  2. Patate
  3. Emmentaler in fette
  4. Scamorza affumicata
  5. Parmigiano grattugiato o a scaglie
  6. Sale e pepe a piacere
  7. Olio EVO
Instructions
  1. Ungete una pirofila con del burro fuso o con dell'olio d'oliva.
  2. Fate sbollentare le foglie di spinaci in acqua bollente per un paio di minuti, scolatele e tamponatele con della carta assorbente.
  3. Disponete le foglie di spinaci sul fondo della pirofila e intanto fate sbollentare le patate, private della buccia, in acqua bollente per 5 minuti.
  4. Disponete abbondante parmigiano e qualche pezzo di provola sopra gli spinaci e tagliate a fette le patate, formando un altro strato.
  5. Alternate ora uno strato di emmentaler ad uno di patate fino alla fine della pirofila.
  6. Io ho ultimato con le patate e condito con un filo d'olio, sale e pepe.
  7. Per un effetto ancora più goloso, ultimate coprendo le patate con abbondante provola affumicata a fette.
  8. Cuocere in forno caldo a 180° per circa 30 minuti.
Adapted from Sale & Pepe
Adapted from Sale & Pepe
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/
IMG_3912 IMG_3928

Torta salata con zucca e spinaci

post2

Una torta salata ripiena di bontà tutte genuine: zucca, parmigiano reggiano, spinaci.

Il guscio di pasta brisè integrale, racchiude un ripieno morbido, profumato e sano.

Per i più golosi, consiglio l’aggiunta di gorgonzola.

In questa ricetta è importante cuocere le due verdure separatamente con aromi differenti di modo da creare due strati dal gusto distinto.

La zucca sarà cotta in padella o al forno con rosmarino, sale e pepe. Gli spinaci, o in alternativa le bietole, saranno cotte in padella con aglio, sale e pepe.

Torta salata zucca e spinaci
Write a review
Print
Ingredients
  1. Per la pasta brisè
  2. 250 g di farina integrale
  3. 100 g di burro
  4. 60 ml di acqua fredda
  5. due prese di sale
  6. Per il ripieno
  7. 500 g di spinaci
  8. 500 g di zucca
  9. 100 g di parmigiano reggiano
Instructions
  1. Preparare la pasta brisè impastano gli ingredienti molto velocemente con un robot da cucina.
  2. Se si impasta a mano usare burro ammorbidito.
  3. Formare il panetto e riporre in frigorifero per 30 minuti, avvolto in un canovaccio.
  4. Accendere il forno a 180° e procedere con il ripieno. In due casseruole differenti cuocere gli spinaci e la zucca a cubetti con un poco di acqua. Fare appassire a fuoco lento.
  5. Ungere una teglia da crostata e stendere la pasta con il mattarello adagiandola nella teglia.
  6. Riempire il guscio con un primo strato di spinaci e spolverare con parmigiano reggiano, procedere con la zucca e coprire nuovamente da parmigiano.
  7. Cuocere in forno caldo per 20-30 minuti fino a doratura della pasta. Servire tiepida.
Il mio consiglio
  1. Se vuoi rendere la torta ancora più golosa, aggiungi la gorgonzola tra uno strato di ripieno e l'altro.
Lamiacasashabby http://www.lamiacasashabby.ifood.it/

post

Crocchette di piselli con farina di castagne

cover

La farina di castagne si presta a numerose preparazioni, sia dolci che salate.

Questa ricetta si ispira ai famosi falafel, che generalmente vengono fatti con i ceci crudi, lasciati in ammollo molte ore.

Io avevo un avanzo di piselli cotti in padella con sale pepe e pomodorini. Ho frullato il tutto e incorporato la farina di castagne poco alla volta fino ad ottenere una consistenza morbida ma compatta.

Ho aggiunto una presa di sale e formato delle crocchette che ho impanato nei semi di lino e nuovamente passato nella farina di castagne.

Le ho fritte in olio di arachidi bollente e devo dire che la farina di castagne ha tenuto la frittura benissimo. Le crocchette erano cotte alla perfezione e per niente unte. 

Le ho accompagnate con del banale ketchup ma devono essere buonissime con una salsina piccante come la salsa harissa per esempio.

Ottime come aperitivo con un bicchiere di vino rosso.

IMG_3714

Polpette di manzo con carciofi e patate

     

 

Dopo tanti dolci golosi, vi propongo delle morbide polpette da affogare in un semplice sugo di pomodoro, da cuocere al forno per chi è a dieta o da friggere per i più golosi 🙂

Il procedimento è molto simile a quello delle classiche polpette “della Nonna” con l’aggiunta di cuori di carciofo precedentemente cotti in umido e patate.

Potete prepararle anche il giorno prima e conservarle in frigo dentro il sugo di pomodoro. Se le friggete invece gustatele calde appena fatte.

Ingredienti per 4 persone 

  • circa 300 g di carne macinata di manzo da sugo
  • 6 cuori di carciofo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 patate 
  • 3 cucchiai di pan grattato più qualche cucchiaio per la panatura
  • 2 uova medie
  • sale e pepe a piacere

 

 

Tenete i carciofi a mollo in acqua e limone per 30 minuti e fateli cuocere in una pentola con coperchio a fuoco lento per almeno 1 ora, bagnandoli con del vino bianco e aggiungendo acqua all’occorrenza. Salate e pepate. A parte fate cuocere le patate pelate in acqua leggermente salata. Buttatele a freddo e a pezzi.

Scolate le patate e tritale in un mixer insieme ai carciofi e allo spicchio d’aglio privato dell’anima. Aggiungete il trito alla carne macinata, unite l’uovo sbattuto, sale e pepe e pan grattato e mescolate il tutto fino ad ottenere una consistenza morbida che sta insieme.

Formate le polpette e passatele nel pan grattato (se volete potete aromatizzarlo con un trito di prezzemolo fresco e aggiungere nel cuore delle polpette un cubetto di mozzarella di bufala che si scioglierà in cottura).

Preparate il sugo e negli ultimi dieci minuti di cottura tuffate le polpette, facendole cuocere a fuoco lento per pochi minuti, affinché restino belle morbide.

Se siete golosi friggetele in abbondante olio caldo e servitele subito, magari come finger food per l’aperitivo, altrimenti se non amate né il sugo né la frittura (ne dubito :-DD) fatele cuocere in forno a 180° per 15 minuti circa, attivando la funzione grill negli ultimi 5 minuti.

   

 

Buona appetito,

Veronica

 

Pesce spada al forno in crosta di patate

Il pesce spada spesso non viene cucinato volentieri per paura che risulti troppo asciutto. In realtà con pochi accorgimenti è possibile cuocere un buon filetto, morbido e goloso.

Solitamente lo faccio alla piastra su una buona padella in pietra, per pochi minuti da entrambi i lati e il risultato e’ davvero ottimo.

Questa volta ho voluto cambiare, cuocendolo al forno con una golosa crosticina di patate.

Pochi minuti e tanta golosità.

Ingredienti per 1 persona

  • 1 filetto di pesce spada
  • 1 patata
  • Pan grattato o farina di polenta in caso di intolleranze o celiachia
  • Sale e pepe
  • Semi a piacere (papavero, girasole, lino, anice, zucca…)
  • Crusca d’avena
  • Olio EVO

La preparazione è semplicissima.

Accendete il forno a 180 gradi e disponete i filetti su carta forno.

Spennellateli con olio EVO e cospargete di semi, pan grattato e crusca d’avena, salate e pepate.

Tagliate finemente una patata per filetto a fettine sottilissime e disponetele sui filetti. Spennellate con olio e ripetete l’operazione fatta sul filetto.

Infornate per circa 20 minuti. Passati i primi dieci minuti attivate la funzione grill del forno per far formare una bella crosticina.

Attenzione a non far cuocere troppo altrimenti rischiate che il pesce risulti asciutto.

Il pesce spada se cotto a dovere si scioglie in bocca come burro.

Provare per credere.

Gustate caldi su un letto di insalata.

Melanzane ripiene light con sgombro e patate

IMG_2521
Le melanzane ripiene light con sgombro e patate sono un piatto unico molto appetitoso.
Per rendere il piatto gustoso ma leggero ho utilizzato l’anice stellato unito al limone.
Venite a prepararle con me!

IMG_2518
Ingredienti per 2 persone
2 melanzane
300 g di patate a pasta gialla
240 g di sgombro al naturale
2 cucchiai di olio EVO (opzionali)
Il succo di 1 limone
2 cucchiai di anice stellato (semini)
Sale e pepe q.b.
1 spicchio d’aglio
1 mazzetto di prezzemolo
2 cucchiai di pan grattato + spolverata finale
Riduzione di aceto balsamico e olio EVO per condire

Lavate bene le vostre melanzane sotto acqua corrente e buttatele a cuocere in acqua bollente e salata per 20 minuti circa. Devono essere piuttosto cotte ma mantenere la forma senza disfarsi.
In un’altra casseruola cuocete due patate grandi spelate (circa 300 g) fino a che non sono belle morbide.
Accendete il forno a 180 gradi e foderate la leccarda con carta da forno.
Ora preparate il ripieno:
Scavate la pancia delle melanzane fino in fondo, facendo attenzione a non bucarle sul fondo.

IMG_2513

Mettete nel mixer la pancia delle melanzane, le patate a pezzetti, lo sgombro ben sgocciolato, l’olio, il sale, il pepe, uno spicchio d’aglio, il succo di un limone, l’anice stellato, il pan grattato e un mazzetto di prezzemolo (solo le foglie ben lavate sotto acqua corrente).
Frullate tutto fino ad ottenere una purea.
Riempite la pancia delle melanzane e con il ripieno avanzato fatene delle polpettine.
Spolverizzate con pan grattato le melanzane e impanate le polpette.
(Se preferite friggere queste ultime, passatele prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e infine nel pan grattato).
Fate cuocere in forno per 30 minuti almeno. Controllate che le melanzane sul fondo siano belle morbide.
Gustatele calde con un filo d’olio EVO crudo e riduzione di aceto balsamico.

IMG_2516

IMG_2515

IMG_2514

IMG_2519

Battuta di manzo al coltello con salsa al limone e yoghurt

2015/01/img_1601.jpg

La battuta di manzo al coltello è un vero must per i veri amanti della carne.

Il piatto è di semplice esecuzione, l’unico accorgimento che vi do è:

A) SCEGLIETE UN TAGLIO DI CARNE FRESCHISSIMO E ADATTO (io ho usato la “noce” di manzo, taglio magro e tenero)

B) ACCOMPAGNATE LA CARNE CON UNA SALSINA LEGGERA MA GUSTOSA

2015/01/img_1598.jpg

INGREDIENTI (per due persone)

  • Fettine di “noce” di manzo freschissima 400 gr circa (vi consiglio di acquistarla al momento, non + di due ore prima di consumarla)
  • Olio EVO al naturale o aromatizzato (tartufo o peperoncino)
  • 1 yoghurt bianco al naturale (senza zucchero)
  • mezzo limone
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  • 4 cucchiai di olio EVO (anche 2 sono sufficienti se vi piace il gusto acidulo e fresco dello yoghurt)
  • sale e pepe (una macinata)
  • riduzione di aceto balsamico (a piacere)
  • buccia di limone gratuggiata

PROCEDIMENTO

Cominciate con il taglio della carne “al coltello”: utilizzando un coltello da carne affilato tagliate prima le vostre fettine a strisce, poi a dadini e con un movimento veloce sminuzzate la carne per 10/15 minuti “al coltello”.

Inpiattate le mono porzioni utilizzando un coppapasta cilindrico o della forma che preferite, andranno bene anche le formine per i Cookies.

Ora preparate la vostra guarnizione:

in una ciotola versate lo yoghurt, l’olio, l’aceto (io ho usato quello di mele ma potete optare x qualsiasi aceto aromatico a seconda dei gusti), il sale e il pepe e infine il succo di mezzo limone. Sbattete energicamente con una frusta a mano, fino ad ottenere una salsa bella spumosa.

Guarnite i vostri piatti con la salsa, la riduzione di aceto balsamico, olio EVO (o aromatizzato al tartufo o al peperoncino in base alle preferenze), sale, pepe e la buccia del limone gratuggiata.

Se vi piace potete aggiungere anche un pizzico di zenzero, che renderà il piatto ancora più fresco e profumato.

Gustate la vostra carne con una fetta di pane tostato e un’insalatina a foglia tenera come il songino.

Guten Appetit e alla prossima!

Veronica

2015/01/img_1631.jpg

Le polpette di Nonna Albina

IMG_1422

Le Polpette di Nonna Albina rappresentano la mia infanzia e mi riportano alla mente quel profumo meraviglioso di sugo e di Famiglia che si respirava la domenica a pranzo quando tutta la famiglia era riunita a casa dei nonni. Se penso alla nonna mi vengono in mente le sue morbidissime polpette e per me resteranno per sempre il mio piatto preferito.

La ricetta me l’ha data proprio lei e quando due giorni fa le ho fatte la soddisfazione più grande è stata quella di vedere il mio fidanzato rientrare a casa da lavoro e dire: “wow, che profumo, sembra di essere a casa di mia nonna”. E’ stato fantastico!

INGREDIENTI

Per le polpette

  • 500 gr di carne macinata di manzo
  • 3 uova medie
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaino di noce moscata
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2/3 cucchiai di pan grattato

Per il sugo

  • ½ litro di salsa di pomodoro rustica e corposa
  • 1 carota
  • ½ cipolla
  • 1 cucchiaio di olio EVO
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 spicchio d’aglio

PROCEDIMENTO

Iniziate preparando il sugo:

Tritate finemente una carota e mezza cipolla e mettete il trito a rosolare in una pentola con un cucchiaio di olio EVO.  Quando le cipolle cominceranno ad imbiondirsi, aggiungete la salsa, il sale, lo zucchero e lo spicchio d’aglio. Coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco lento per almeno 30 minuti.

Nel frattempo preparate le vostre polpette:

Unite tre uova sbattute alla carne macinata, il prezzemolo e gli spicchi d’aglio tritati, il sale e la noce moscata e amalgamate il tutto.  Ora unite uno alla volta i tre cucchiai di pan grattato (se notate che dopo il secondo si riescono già a formare delle polpette morbide che non si sfaldano, fermatevi. Io ne ho usati 3 ma dipende molto dalla dimensione delle uova).

Formate le vostre polpette della dimensione che preferite e tuffatele nel sugo durante gli ultimi 10 minuti di cottura della salsa. Spegnete il fuoco dopo 10 minuti, saranno morbidissime.

Questo piatto sembra semplicissimo, per la semplicità dei suoi ingredienti, in realtà il segreto per renderlo sublime è avere una consistenza perfetta e cuocerle a puntino. Per farle morbide come le sue ho dovuto farmi spiegare la ricetta due volte, per capire a cosa stare più attenta.

Per inpiattare ho utilizzato anche un cucchiaio di pesto e ne ho fritte un paio per il mio fidanzato, sono ottime anche così, ma la ricetta originale di nonna resta la migliore.

Con questa ricetta partecipo al CONTEST 120elodeincucina di Tre Spade, Alla scoperta del piatto più tricolore del web

IMG_1416 IMG_1415 IMG_1419 IMG_1421 IMG_1424

Ciuffetti di calamari alla diavola

2015/01/img_1306.jpg
I Ciuffetti di Calamari alla Diavola sono un secondo piatto dal gusto deciso, adatti sia agli amanti del pesce che agli appassionati di salsa al pomodoro.
Il piatto è entrato a far parte dei nostri piatti preferiti la scorsa estate in Sardegna.
Dovete sapere che il mio fidanzato è un palato difficile. Quando l’ho conosciuto si limitava a mangiare sempre le stesse cose: pasta al pomodoro, fettina di carne in padella, ravioli di carne e gnocchi di patate al pesto.
Con tanta pazienza e cercando di “camuffare” gli ingredienti nel suo amato sugo di pomodoro, sono riuscita a fargli assaggiare quasi tutto e ora apprezza anche il pesce che prima era bandito dalla sua tavola.
Ma torniamo alla nostra vacanza in Sardegna, quando una sera a ristorante ha ordinato dei moscardini alla diavola di cui si è innamorato, che altro non erano che moscardini affogati nel sugo di pomodoro piccante. Essendo un amante del sugo e del peperoncino ha voluto che io provassi a rifarli a casa e il risultato è stato sorprendente.

2015/01/img_1278.jpg
Cosa ho usato
– 1/2 kg di ciuffetti di calamari oppure moscardini da tagliare a rondelle (noi amiamo i ciuffetti)
– 1/2 litro di salsa di pomodoro rustica (a me piace bella corposa e non liquida)
– sale 1 cucchiaino
– 1/2 cucchiaino di zucchero
– 1 spicchio d’aglio
– peperoncino e paprika dolce a piacere
– crostini di pane

Procedimento
Prendete una padella antiaderente e versate la salsa di pomodoro, lo spicchio d’aglio, il sale e lo zucchero e cominciate a farla cuocere a fuoco lento.
Nel frattempo sciacquate i ciuffetti sotto acqua corrente e metteteli in uno scolapasta.
Dopo qualche minuto tuffateli nella salsa e fate cuocere con coperchio e fiamma lenta x almeno 45 minuti.
Controllate spesso che non si restringa troppo il sugo e in quel caso aggiungete acqua.
Prima di servire controllate di sale e se volete aggiungete peperoncino. Sono buoni piccantissimi.
Inpiattate accompagnati da crostini di pane o fatene una bruschetta e aggiungete un filo di olio EVO a crudo.

Se li amate, potete aggiungere nel sugo una manciata di pinoli, daranno un tocco ligure buonissimo.

Questo piatto è adatto anche durante un regime alimentare dietetico, in quanto privo di grassi. Avrete notato che nelle mie ricette non c’è mai olio durante la cottura dei cibi. Benché buonissimo, fa male alla salute.
I sapori sono in questo modo esaltati e l’olio a crudo fa benissimo per le vostre arterie oltre ad essere delizioso.
Provare per credere!
Attendo con ansia le vostre impressioni!
Veronica

2015/01/img_1282.jpg

2015/01/img_1290-0.jpg

2015/01/img_1285.jpg

Cosciotto di pollo agli agrumi

2015/01/img_1247.jpg

Il cosciotto agli agrumi è un secondo piatto molto gustoso e adatto a chi come me spesso si ritrova a cucinare di fretta, con poco tempo a disposizione ma non vuole rinunciare alla novità e soprattutto al gusto.

Siete stufi delle solite scaloppine ma volete mangiare un secondo sano e gustoso?

Preparatelo con me.

INGREDIENTI

  • coscia e sovracoscia di pollo
  • 1 arancia
  • 1 limone
  • vino bianco
  • sale e pepe
  • riduzione di aceto balsamico

PROCEDIMENTO

Scaldate una padella antiaderente, meglio se con rivestimento in pietra, io le trovo fantastiche.

Fate rosolare la coscia su entrambi i lati a fiamma viva per dieci minuti rigirandola.

Una volta bella dorata, bagnatela con abbondante vino bianco e lasciate evaporare. Ripetete l’operazione almeno 2 volte.

Quando il vino comincerà a ridursi abbassate la fiamma e aggiungete il succo di 1 limone e di 1 arancia e la loro buccia grattugiata, sale e pepe.

Coprite con un coperchio e fate cuocere per almeno 20 minuti rigirandola ogni tanto.

Inpiattate ancora calda decorando con riduzione di aceto balsamico e accompagnandola con insalata e spicchi di arancio.

Se non siete a dieta o semplicemente amate i gusti più decisi, potete ungere la coscia con olio EVO e impanarla con la polenta prima di metterla in padella.

Buon appetito,

Veronica

2015/01/img_1245.jpg

2015/01/img_1248.jpg

2015/01/img_1250.jpg

2015/01/img_1249.jpg

Leggerezza e gusto: come cucinare i finocchi in modo appetitoso

Dopo le abbuffate di questi giorni, sentivo il bisogno di mangiare VERDURA.
Avevo in frigo un bel finocchio grande ma mi piangeva il cuore al pensiero di mangiarlo bollito o crudo.
Mi sono così inventata una gratinatura leggera.
Niente burro, niente olio e niente pan grattato .. Cosa avrò usato?

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e1f/80917766/files/2014/12/img_0883.jpg

Ecco gli ingredienti:
– un finocchio grande
– un bicchiere di latte
_ sale e pepe a piacere
_ un pizzico di noce moscata
_ 120 gr di ricotta
_ 1 cucchiaino di parmigiano grattugiato
– 1 cucchiaino di groviera grattugiata

Procedimento
Tagliate il finocchio a listarelle e mettetelo in una casseruola antiaderente a rosolare senza olio per qualche minuto.

Aggiungete il bicchiere di latte fino a coprire i finocchi, salate, pepate e aggiungete la noce moscata.
Fate cuocere per dieci minuti dal bollore (non di più, il finocchio deve restare croccante)

Ora trasferite il finocchio in una piccola ciotola da forno e cospargete il tutto con la ricotta e i formaggi grattugiati.

Infornate a 180 gradi con funzione grill per dieci minuti. Se passati i minuti non si sarà ancora formata la crosticina, lasciateli altri dieci minuti aumentando a 200 gradi.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e1f/80917766/files/2014/12/img_0884.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e1f/80917766/files/2014/12/img_0881.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e1f/80917766/files/2014/12/img_0875.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/e1f/80917766/files/2014/12/img_0879.jpg

Che ve ne pare? Se amate la ricotta, questi finocchi sono un giusto compromesso tra leggerezza e gusto, per un piatto unico buono e salutare.

Scrivetemi cosa ne pensate nei commenti
Alla prossima
Veronica

CONSIGLIA Crostoni di pane con asparagi uova e senape